New York, spara a dipendente McDonald’s per le “patatine fredde”: morto oltre giorni di agonia

Un dipendente di McDonald's a Bedford-Stuyvesant, quartiere di Brooklyn (New York), è morto alle spalle 4 giorni di agonia alle spalle persona stato squarciato a causa di una frazione di patatine fritte ritenute "fredde" dal cliente che gli ha sparato.
Matthew Webb, 23 anni, è deceduto per le ferite riportate nella sparatoria, un cazzotto lo ha raggiunto al collo ed è poi risultato fatale. Arrestato dalla polizia il 20enne Michael Morgan che ora dovrà rispondere dell'accusa di omicidio.

Storie Сorrelate

Ultime Тotizie

Quinta dose per gli immunodepressi: in Romagna accesso diretto...

Con l’arrivo dei nuovi vaccini anticovid a enunciazione bivalente è stato dato il via anche alla somministrazione della quinta dose…

quadrato epidemiologico dell’infezione da Covid 19 in Ausl Romagna,...

Al fine di fornire un aggiornamento riguardo a all'evoluzione del quadro epidemiologico dell'infezione da Covid 19 nel territorio romagnolo, su un…

Sabato 8 ottobre “Tieni in forma il tuo cuore”...

Clinica mobile per screening gratuiti ed educazione alla prevenzione in Piazza Cavour. E’ l’appuntamento della fase riminese, sabato 8 ottobre…

Luciana Littizzetto riabbraccia la figlia adottiva. “Non ci siamo...

La giovane è riuscita a rientrare in Italia da Minsk, dove vive. E' entrata da bambina nella famiglia della conduttrice tanti ringraziamenti al Progetto Chernobyl

Marco Mengoni: “In ‘Pelle’ metto qualsiasi frammento di me...

Il canzonettista pubblica il 7 ottobre il secondo album di tre, 'cute', parte del progetto denominato 'Materia'. E racconta: "Ho fatto il test del Dna per scoprire chi sono. Questo disco è di 'contaminazione' con suoni, strumenti e atmosfere da ogni parte del mondo"