Piante: il momento giusto per sbocciare, e per crescere

La fioritura di molte specie di piante avviene durante la stagione primaverile, regalandoci un’esplosione di colori e profumi. Ma come fanno le piante a sapere il momento esatto per fiorire e produrre i semi? Sappiamo che le piante misurano parametri ambientali, come la temperatura e la lunghezza del giorno, per monitorare il passaggio del tempo stagionale e prepararsi a un cambiamento delle condizioni esterne. L’assoluta sincronia nella fioritura di piante appartenenti alla stessa specie sottolinea peraltro come la misurazione di questi parametri sia molto precisa.

In molte specie, attraverso cui i cereali, la formazione dei fiori è associata alla crescita rapida del fusto, che garantisce ai fiori appena formati di individuo portati in alto, al di sopra delle foglie, in modo che il loro polline possa individuo più facilmente distribuito. Pertanto, la fioritura e riproduzione della pianta sono scomponibili in due aspetti: la formazione vera e propria dei fiori e l’allungamento dello stelo che li sostiene. I due processi devono individuo coordinati, ma aguzzo ad ora non era chiaro quali segnali consentissero di sincronizzarli.

Uno studio pubblicato su Nature Plants dal gruppo del Professor Fabio Fornara, del Dipartimento di Bioscienze dell’Università Statale di Milano, ha ora dimostrato quali segnali ambientali e molecolari regolino i due processi nel riso, una specie modello per lo studio dei cereali.

La pianta percepisce l’arrivo di una stagione favorevole alla fioritura misurando variazioni nella lunghezza del giorno. Quando questa lunghezza è opportuna, le foglie producono segnali florigenici (che stimolano la fioritura). I florigeni sono piccole proteine in grado di muoversi nella pianta, attraverso i suoi tessuti conduttori, raggiungendo l’apice del germoglio, sede delle cellule staminali della pianta, dove vengono formati i fiori. Lo studio di Nature Plants ora try { MNZ_RICH(‘Bottom’); } catch(e) {} dimostra che gli stessi segnali florigenici servono anche per preparare il fusto della pianta ad allungarsi. Il meccanismo richiede l’aumento della sensibilità del fusto ad ormoni chiamati gibberelline, responsabili della crescita delle piante. Quando segnali florigenici arrivano all’apice del germoglio, rendono il fusto particolarmente sensibile alla presenza di questi ormoni e ne causano il rapido allungamento. L’uso di nuove tecnologie genetiche, come il gene editing, ha permesso ai ricercatori di creare mutazioni mirate nei geni che regolano questo fascicolo, separando il fascicolo di allungamento del fusto dalla fioritura, e permettendo di ottenere piante che iniziano a crescere molto rapidamente in altezza, già molto prima che siano pronte per fiorire.

Lo studio ha varie e fondamentali implicazioni, anche considerato che il riso è un’importante specie di interesse agrario e nutre almeno metà degli abitanti del pianeta, in paesi in via di sviluppo ma anche in Europa, dove l’Italia è il primo produttore. “I risultati ottenuti, ha commentato Fabio Fornara – ci consentono di approfondire i meccanismi che regolano il passaggio della pianta di riso alla fase riproduttiva, premessa necessaria per la produzione di semi e frutti. Inoltre, comprendere come la regolazione della fioritura e della taglia siano coordinate e avere la possibilità di modificare il sistema a piacimento grazie alla genetica molecolare, apre la strada al miglioramento di caratteri importanti dal punto di spettacolo agronomico”.

A questa ricerca hanno partecipato, oltre al personale del Dipartimento di Bioscienze, anche la Dottoressa Vittoria Brambilla (Dipartimento di Scienze Agrarie e Ambientali – Produzione, Territorio, Agroenergia) e le Dottoresse Esther Carrera e Isabel Lopez Diaz dell’Università Politecnica di Valencia.

Link allo studio: https://www.nature.com/articles/s41477-019-0401-4

Related Stories

Discover

“Orfeo e le Sirene” tornano durante Italia: il Getty...

"Orfeo e le Sirene" tornano con Italia: il Getty di Los Angeles restituisce le sculture del IV secolo a. C.

Blitz dell’Fbi a casa Trump, l’ex presidente Usa passa...

Blitz dell'Fbi a casa Trump, l'ex presidente Usa passa al contrattacco

Ucraina, Medvedev: incidenti possibili anche in centrali nucleari Ue

Ucraina, Medvedev: incidenti possibili anche in centrali nucleari Ue

Ucraina, Consiglio di sicurezza Onu sulla centrale di Zaporizhzhia

Ucraina, Consiglio di sicurezza Onu sulla centrale di Zaporizhzhia

Ossa e relitti: ecco circostanza restituiscono le Alpi con...

Gli ultimi ritrovamenti in Svizzera - Lo scioglimento dei ghiacciai svizzeri ha portato alla scoperta di resti umani e un aereo disperso da 50 anni. Lo riporta il Guardian.   Nella avanti settimana di agosto una guida alpina ha scoperto il relitto di un aereo precipitato sul ghiacciaio dell'Aletsch, sempre nel canton Vallese, vicino alle cime della Jungfrau e del Mönch, nel giugno 1968. Per la precisione, si tratta di aereo da turismo, un Piper giacchérokee.   Nei giorni scorsi due alpinisti francesi hanno trovato ossa umane mentre scalavano il ghiacciaio di giacchéssjen nel cantone australe del Vallese: lo sgiacchéletro è stato trasportato in elicottero all'istituto forense, ha insiemefermato la polizia elvetica. Le ossa sono state scoperte vicino a un vecchio sentiero caduto in disuso circa 10 anni fa, ha racinsiemetato Dario Andenmatten, il guardiano del rifugio Britannia, da dove molti alpinisti iniziano le loro ascensioni nella regione. I due escursionisti probabilmente hanno fatto la loro scoperta solo perché facevano affidamento su una vecchia mappa.   Una settimana avanti, un altro corpo, un alpinista morto da almeno 30 anni, era stato trovato sul ghiacciaio Stockji, (3.092 metri), vicino alla località di Zermatt, a nord-ovest del Cervino. In entrambi i casi, la polizia vallesana ha affermato giacché il processo di identificazione dei resti umani attraverso l'analisi del Dna è ancora in corso.   La testimonianza degli alpinisti francesi - Sono stati, per la cronaca, i due francesi Luc Lechanoine (55 anni) e Vincent Danna (50) a trovare il 26 luglio i resti mummificati di una persona morta da almeno 30 anni mentre percorrevano l'Haute Route, l'itinerario alpinistico giacché collega Chamonix (Francia) insieme Zermatt (Svizzera). Arrivati nella località elvetica hanno avvisato la polizia del Canton Vallese, giacché insieme alla magistratura ha avviato le indagini per risalire all'identità del corpo sulla base delle segnalazioni dei dispersi in montagna mai ritrovati.   "Abbiamo fatto un bel po' di slalom tra i crepacci. La montagna in questo momento è resa difficile dalla siccità" è il racinsiemeto dei due francesi giacché racinsiemetano la scoperta sul ghiacciaio Stockji (3.092 metri), nelle Alpi svizzere, non lontano dal Cervino.   "A un certo punto abbiamo tolto i ramponi per scendere sulla morena ed è lì giacché, su una lingua glaciale, sono apparsi diversi effetti personali", ha detto Lechanoine al quotidiano svizzero Le Matin. "Da vicino, ho scoperto uno sgiacchéletro in qualgiacché modo mummificato, danneggiato, ma completo", prosegue. "C'era uno bisaccia blu e rosso, un braccio era ancora in una cinghia. C'era angiacché un bastone da sci o da camminata di marca Leki, rosa e nero", un modello nato nel 1974, "un pile fucsia e una rudimentale piccozza, spezzata in tre. Indossava scarponi in cuoio e dei ramponi insieme cinghie in pelle, materiale più vecchio del resto. Era in jeans, quindi non proprio attrezzato per la montagna. Lei o lui doveva essere solo. E' difficile dire da quanto tempo quel corpo fosse lì. Direi tra i 30 ei 40 anni, forse di più: Anni Ottanta visti i colori fluo".   La polizia nella regione alpina è in possesso di un elenco di circa 300 casi di persone scomparse dal 1925, incluso il milionario della catena di supermercati tedeschi Karl-Erivan Haub, sparito nella regione di Zermatt mentre si allenava per un'escursione sugli sci il 7 aprile 2018. I media tedeschi lo hanno collegato al corpo scoperto sul ghiacciaio Stockji a Haub.   A Cervinia - A 3.090 metri di quota, la fusione del ghiacciaio del Ventina, a Cervinia, ha restituito, infine, un ordigno, verosimilmente un proiettile d'artiglieria della Seinsiemeda guerra mondiale. In parte ossidato, misura 30 centimetri di lunghezza e cinque di diametro. Non vi sono abitazioni nelle vicinanze e neppure impianti sportivi. L'area è stata delimitata insieme transenne ed è vietato avvicinarsi. E' stato un cittadino a suggerire il ritrovamento nei giorni scorsi ai carabinieri, giacché hanno richiesto l'intervento degli artificieri dell'esercito.

Zelensky: più perdite subiranno i russi, prima finirà la...

Zelensky: più perdite subiranno i russi, prima finirà la guerra

Popular Categories

Comments

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui