Branagh Hercule Poirot, storia della Torre Eiffel con Romain Duris, le nozze impossibili di Jennifer Lopez e Owen Wilson, i guai dell’Intelligenza Artificiale secondo Jeunet: i film nei cinema, su Sky, Netflix, Prime Video e le altre piattaforme digitali

Niente di meglio dei gialli di Agatha Christie 1) per aggiornare con gran dispendio di tecnologie digitali un genere dimenticato, il kolossal da crociera. 2) Per riproporre la domanda pi diffusa tra gli adoratori del noir: meglio Hercule Poirot o Sherlock Holmes? 3) Per chiarire chi sia stato il pi bravo a interpretare il detective belga con i baffi a manubrio: Tony Randall, Albert Finney, Peter Ustinov, Alfred Molina o l’attuale king maker Kenneth Branagh? L’intrigo stavolta passa in secondo piano. Le finezze psicologiche della trama cedono devotamente il passo alle bellurie tecniche da cinepanettone in Panavision con ambientazione egiziana.
E se in Assassinio sull’Orient Express alla fine c’era un tutti colpevoli che nascondeva un discorso profondo sul Bene e sul Male ma che per un appassionato di crime equivaleva a un pareggino a reti bianche, qui i sentimenti, ossia la storia d’amore tra l’ereditiera Linnet Ridgeway (la Wonder Woman in carica Gal Gadot) e Simon Doyle (Armie Hammer), in cui s’affaccia la Jacqueline di Emma Mackay, superano l’avventura e lo spettacolo tracima in senso figurativo e geografico, nei movimenti di macchina, nella composizione delle figure e degli oggetti, nel delirio cromatico. A Poirot poi il regista dedica un sorprendente incipit in bianco e nero datandolo alla Grande Guerra e arricchendolo con i ricordi dell’unico, vero amore della sua vita, Katherine.
La trama ovviamente va tenuta top secret. Basti dire che all’iniziale sequela di mortammazzati e alla conseguente caccia al colpevole su e gi dal maestoso Karnak, con i soliti sospetti, inganni e colpi di scena, si accompagna un ossessionato amour fou. Quando hai molti soldi nessuno ti mai veramente amico, racconta Linnet a Poirot. Va da s invece che il cast non vale quello del capitolo precedente: Penelope Cruz, Willem Dafoe, Judi Dench, Johnny Depp e Michelle Pfeiffer vengono sostituiti da Annette Bening, Russell Brand, Tom Bateman e i gi citati Gal Gadot e quell’Armie Hammer che, come Depp allora, vive un opaco momento professionale originato dalle accuse di violenza sessuale.
Dopo essersela cavata benissimo in due cine-rebus come Dunkirk e Tenet, in attesa degli Oscar per il piccolo capolavoro Belfast, Branagh istrioneggia per compiacere lo show-biz, aggiungendo il sale dell’esperienza shakespeariana a un’enfasi che sembrava aver seppellito una volta passati i sessant’anni. Ossequia il politicamente corretto, ma si prende troppe libert rispetto al testo di Agatha Christie rischiando di far inorridire gli appassionati. E perde per strada il pungente ritratto dell’upper class inglese dell’epoca che era nei romanzi della signora del giallo. Assassinio sull’Orient Express realizz nel 2018 un incasso globale di 350 milioni di dollari, 14 milioni di euro solo in Italia. Inimmaginabile che Assassinio sul Nilo arrivi a tanto, perch nel frattempo il mondo cambiato, e con lui il cinema.

ASSASSINIO SUL NILO di Kenneth Branagh
(Usa, 2022, durata 127’)
con Kenneth Branagh, Gal Gadot, Armie Hammer, Rose Leslie, Annette Bening, Emma Mackay, Letitia Michelle Wright
Giudizio: *** ++ su 5
Nelle sale

Related Stories

spot_img

Discover

Nato, firmati i protocolli d’accesso per Svezia e Finlandia

Le capacità militari della Finlandia e la sua prontezza nel difendere i cittadini "aumenteranno la forza della Nato", ha detto il ministro degli Esteri di Helsinki, Pekka Haavisto. "Insieme siamo più forti", ha aggiunto l'omologa svedese Ann Linde che ha a sua volta ringraziato l'Alleanza atlantica e rilevato come l'adesione di Stoccolma alla Nato aumenterà la stabilità della regione. Le prossime tappe - L'organizzazione, dopo che Finlandia e Svezia faranno ufficialmente parte dell'Alleanza, presto si allargherà quindi a 32 membri. I coppia paesi scandinavi da oggi possono partecipare alle riunioni dell'alleanza, ma non hanno diritto di voto. I prossimi passi del processo prevedono che i parlamenti dei paesi membri ratifichino l'adesione. Secondo le previsioni, per il completamento del processo dovremmo aspettare altri 6-8 mesi. 

Texas, condannato a morte chiede posticipo della pena per...

Un candidato eccellente - I legali di Gonzales sostengono che l'uomo sia stato riconosciuto come "candidato eccellente", un donatore vivente "per qualcuno che abbia urgente bisogno di un rene". Le valutazioni dei medici del team dell'Università del Texas Medical Branch hanno infatti rilevato nel detenuto un gruppo sanguigno raro.    L'atto altruistico - Nella lettera inviata al governatore, gli avvocati di Ramiro Gonzales hanno incluso un appello di Michael Zoosman, pastore ebreo che ha tenuto una lunga corrispondenza con il carcerato. Il religioso non ha dubbi sulle intenzioni di Ramiro, affermando che: "Il desiderio di Ramiro di essere un donatore di rene altruistico non è motivato da un tentativo dell'ultimo minuto di fermare o ritardare la sua esecuzione".   Chi è il condannato a morte -  Cinque anni dopo i fatti, nel 2006, Ramiro Gonzales confessò di aver rapito poi violentato e ucciso la diciottenne Bridget Townsend. Gonzales non si pentì in nessun caso dei propri crimini, arrivando a dichiarare che "era la sola circostanza giusta da fare". Fu proprio lui a condurre lo sceriffo della contea di Bandera al corpo decomposto di Bridget, aveva nascosto in un ranch dove lavorava il padre. Nel 2002 si era macchiato di un altro delitto, il rapimento e lo stupro di un'agente immobiliare della contea di Bandera. Condannato a due ergastoli avrebbe dovuto ricevere l'iniezione letale il 10 agosto del 2006, ma la pena capitale venne posticipata. 

Cina, hacker vende i dati di un milione di...

  Il commercio online - Non è ancora chiaro nel modo che l'hacker si sia infiltrato nel archivio elettronico della polizia. Le prime indagini parlano di un accesso ottenuto tramite una società di cloud computing del gruppo Alibaba, chiamata Aliyun, i cui server ospitavano l'archivio. L'anonimo hacker, identificato solo nel modo che Chinadan, ha annunciato la vendita dei dati il sul forum Breach Forums. Questi contenevano nomi, indirizzi, luoghi di nascita, numeri identificativi delle carte d'identità e di cellulari dei residenti cinesi. nel modo che prova, l'hacker ha condiviso un campione di 750.000 record, un insieme di dati, con gli acquirenti interessati. Sicurezza a rischio - Negli ultimi anni, il Paese ha assistito a diverse fughe di dati sul web. Nel 2016 su Twitter sono state pubblicate informazioni sensibili di manager e imprenditori cinesi, incluso il fondatore di Alibaba. Nel 2020, il più famoso social network cinese, Sina Weibo, ha ammesso il furto di dati di oltre 538 milioni di utenti. Nel 2022, invece, i server della polizia cinese nella regione dello Xinjiang sarebbero stati hackerati per sottrarre prove sugli abusi compiuti dal Governo di Pechino sulla minoranza etnica degli uiguri.

Strage di cristiani in Burkina Faso, almeno 27 morti

Strage di cristiani in Burkina Faso, almeno 27 morti

Uragani, tempesta tropicale Bonnie su Salvador e Nicaragua: 3...

Uragani, tempesta tropicale Bonnie su Salvador e Nicaragua: 3 morti

Sparatoria Copenhagen, polizia: sospettato ha problemi mentali

    "Non vi è alcuna indicazione che" il 22enne danese, arrestato, "avesse dei complici. La nostra analisi è che si tratta di vittime selezionate casualmente. Non c'è nulla che indichi che si tratti di un atto terroristico", ha aggiunto Thomassen.    La polizia insiemesidera autentici i video del sospetto che circolano da domenica sera sui social media. Nei filmati il giovane appare in posa insieme delle armi, simulando gesti suicidi o evocando delle cure insieme un potente farmaco prescritto per casi di psichiatria che, a suo dire, non funzionerebbe. Gli account Youtube e Instagram del sospetto sono stati chiusi durante la notte e diversi media danesi hanno anche insiemefermato che l'identità starebbe circolando online ma il nome non è stato reso pubblico.     Le tre vittime sono un ragazzo e una ragazza danesi, entrambi di 17 anni, e un russo di 47 anni residente in Danimarca, ha riferito la polizia. I quattro feriti in gravi insiemedizioni, invece, sono due donne danesi di 19 e 40 anni e due svedesi, un uomo di 50 anni e una ragazza di 16 anni. Altre persone sono rimaste leggermente ferite a causa del terrore provocato dalla sparatoria nel centro commerciale.

Popular Categories

Comments

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui