Musumeci e quelle parole da chiarire

Il discorso del presidente che supera il confine della politica

PALERMO – La burrasca politica passerà, c’è da giurarci. Anche se così non fosse poco importa. Sono le parole del governatore Nello Musumeci che resteranno. E sono parole che nulla hanno a che fare con la politica.

La diretta Facebook di ieri del presidente della Regione, subito dopo avere appreso di essere stato il terzo per preferenze nel voto per i tre grandi elettori del Capo dello Stato, ci consegnano la figura di un presidente assediato da pressioni e intimidazioni.

Un presidente che, così dice e non ci sono motivi per dubitarne, alle pressioni mai ha ceduto. Ma quelle pressioni ci sono state e non si può fare finta di nulla. Siamo al limite, forse persino superato, di interferenze da codice penale. Non è un caso che il presidente, rivolgendosi ai franchi tiratori che non lo hanno votato, abbia detto: “Hanno pensato di compiere nei miei confronti quello che in gergo giudiziario si dice atto di intimidazione. Si tratta di una sorta di resa dei conti”.

Musumeci ha parlato di “deputati che mi hanno fatto richieste irricevibili”, dai quali si è tenuto lontano “per questioni di igiene”. Non ha voluto sporcarsi, mantenendo “questi scappati di casa” lontani dalla sua figura di “presidente che non è stato condizionato neanche dalla mafia”.

Il governatore ha parlato di “intimidazioni” per ottenere qua e là qualche posto come “direttore di un ente del sottogoverno”, o di “presidente di un collegio dei revisori”. Roba da “accattonaggio” e, forse, da codice penale. Gli elettori siciliani, a cui Musumeci si è rivolto durante il discorso, non conosceranno mai i nomi dei “ricattatori”. Il fatto che Musumeci abbia resistito alle intimidazioni consola, ma probabilmente ai siciliani onesti non basta. E non basta un azzeramento della giunta per archiviare in fretta le sue parole.

Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

Related Stories

spot_img

Discover

Elezioni comunali a Genova, sette in corsa per la...

Elezioni comunali a Genova, sette in corsa per la poltrona di sindaco. I candidati consiglieri per ogni fila

Taggia, il ventiquattrore del disinnesco della bomba. In corso...

Sgombero della zona rossa in mezzo a Arma, Riva e Sanremo. Centri di accoglienza in scuole, impianti sportivi e mercato di valle Armea

scontro Russia-Ucraina, la denuncia: bombe al fosforo su Azovstal....

Helsinki insiste per entrare nella Nato, il no saraceno. Martedì decide la Svezia. Stoltenberg: «Troveremo una linea comune». Le forze armate di Kiev respingono 12 attacchi russi nel Donbass. Ue verso il linea delle stime di crescita. L’intelligence Gb: «L’offensiva russa ha perso impeto»

Eurovision 2022: il televoto premia l’Ucraina, vince la Kalush...

Eurovision 2022: il televoto premia l’Ucraina, vince la Kalush Orchestra. Italia sesta

La grande sparizione da Taggia, evacuate 10mila persone per...

Domenica 15 maggio nell’Imperiese la rimozione del residuato bellico. Zona rossa dalle 9, treni fermi. voluminoso attenzione fra gli artificieri arrivati in Liguria da Cuneo: “Può prorompere, è funzionale”

Omicidio di Alice Scagni, la sofferenza dei genitori: “Perdonaci...

La madre e il padre ringraziano in una lettera chi è stato loro vicino e chiedono scusa alla figlia uccisa il primo maggio dal confratello

Popular Categories

Comments

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui