Lavori a Savona per la nuova passeggiata: davanti a un bar spunta uno stallo per le biciclette. La titolare: “Era lo spazio adatto per un dehors”

I lavori davanti al bar Haiti a Savona

I cantieri per la nuova ciclopedonale di corso Vittorio Veneto e via Nizza

Arianna Codato

12 Novembre 2021

Savona – «Per tutto il tempo ci avevano detto che ci sarebbe stato uno slargo di tre metri e oggi scopriamo, con gli operai sul posto, che davanti al bar non avremo lo spazio per un piccolo dehors perché stanno facendo il parcheggio per le bici. Non ci meritavamo quest’ulteriore presa in giro». Susanna Alluigi, titolare dello storico bar Haiti delle Fornaci, ha le lacrime agli occhi mentre racconta l’ennesima amara sorpresa che i lavori per la nuova ciclopedonale di corso Vittorio Veneto e via Nizza, a Savona, le hanno riservato.

«Sono stati e continuano ad essere due anni davvero difficili, non nascondo le difficoltà che abbiamo affrontato per le chiusure, la pandemia e i disagi legati ai lavori per la nuova passeggiata ma questo davvero non lo meritavamo».

Giovedì mattina una squadra di operai ha avviato i lavori davanti al suo bar per il rifacimento del marciapiede. Vedendo cordoli e curve strane la titolare del bar ha chiesto spiegazioni agli incaricati facendo l’amara scoperta: «Non mi avevano mai parlato di uno stallo per biciclette, fino all’ultimo incontro con il Comune la scorsa primavera si è sempre parlato di un marciapiede largo tre metri – racconta Susanna – mi consolava l’idea, dopo tanti disagi pensavo a un piccolo dehors con l’ombrellone. Moltissime persone per i più svariati motivi vogliono stare all’esterno. Ho perso molti clienti tra pandemia, mancanza di parcheggi e disagi dei cantieri. Ora mi ritroverò pedane e parcheggi per le bici che sappiamo tutti che finiscono per diventare depositi di rottami».

Nella via laterale è stato allestito un piccolo spazio di tavolini esterno ma «quella vietta è una galleria del vento nessuno ci sta volentieri. Tutto questo non è giusto, ma non solo per me ma per tutte le attività. Nessuno è stato coinvolto. Ogni giorno ne scopriamo una nuova tra lampioni attaccati ai balconi, attraversamenti pedonali spostati dall’oggi al domani e spiazzi enormi senza senso. Possibile che questo posto per le bici non si potesse fare davanti ad un punto senza attività commerciali. Magari davanti alla spiaggia dove c’è uno slargo inutile enorme. Non avrebbe avuto più senso così? Sarebbe bastata un po’ più di onestà e coinvolgimento dei cittadini per evitare tanti problemi».

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 3,99€/mese per 3 mesi

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Related Stories

Discover

“Orfeo e le Sirene” tornano durante Italia: il Getty...

"Orfeo e le Sirene" tornano con Italia: il Getty di Los Angeles restituisce le sculture del IV secolo a. C.

Blitz dell’Fbi a casa Trump, l’ex presidente Usa passa...

Blitz dell'Fbi a casa Trump, l'ex presidente Usa passa al contrattacco

Ucraina, Medvedev: incidenti possibili anche in centrali nucleari Ue

Ucraina, Medvedev: incidenti possibili anche in centrali nucleari Ue

Ucraina, Consiglio di sicurezza Onu sulla centrale di Zaporizhzhia

Ucraina, Consiglio di sicurezza Onu sulla centrale di Zaporizhzhia

Ossa e relitti: ecco circostanza restituiscono le Alpi con...

Gli ultimi ritrovamenti in Svizzera - Lo scioglimento dei ghiacciai svizzeri ha portato alla scoperta di resti umani e un aereo disperso da 50 anni. Lo riporta il Guardian.   Nella avanti settimana di agosto una guida alpina ha scoperto il relitto di un aereo precipitato sul ghiacciaio dell'Aletsch, sempre nel canton Vallese, vicino alle cime della Jungfrau e del Mönch, nel giugno 1968. Per la precisione, si tratta di aereo da turismo, un Piper giacchérokee.   Nei giorni scorsi due alpinisti francesi hanno trovato ossa umane mentre scalavano il ghiacciaio di giacchéssjen nel cantone australe del Vallese: lo sgiacchéletro è stato trasportato in elicottero all'istituto forense, ha insiemefermato la polizia elvetica. Le ossa sono state scoperte vicino a un vecchio sentiero caduto in disuso circa 10 anni fa, ha racinsiemetato Dario Andenmatten, il guardiano del rifugio Britannia, da dove molti alpinisti iniziano le loro ascensioni nella regione. I due escursionisti probabilmente hanno fatto la loro scoperta solo perché facevano affidamento su una vecchia mappa.   Una settimana avanti, un altro corpo, un alpinista morto da almeno 30 anni, era stato trovato sul ghiacciaio Stockji, (3.092 metri), vicino alla località di Zermatt, a nord-ovest del Cervino. In entrambi i casi, la polizia vallesana ha affermato giacché il processo di identificazione dei resti umani attraverso l'analisi del Dna è ancora in corso.   La testimonianza degli alpinisti francesi - Sono stati, per la cronaca, i due francesi Luc Lechanoine (55 anni) e Vincent Danna (50) a trovare il 26 luglio i resti mummificati di una persona morta da almeno 30 anni mentre percorrevano l'Haute Route, l'itinerario alpinistico giacché collega Chamonix (Francia) insieme Zermatt (Svizzera). Arrivati nella località elvetica hanno avvisato la polizia del Canton Vallese, giacché insieme alla magistratura ha avviato le indagini per risalire all'identità del corpo sulla base delle segnalazioni dei dispersi in montagna mai ritrovati.   "Abbiamo fatto un bel po' di slalom tra i crepacci. La montagna in questo momento è resa difficile dalla siccità" è il racinsiemeto dei due francesi giacché racinsiemetano la scoperta sul ghiacciaio Stockji (3.092 metri), nelle Alpi svizzere, non lontano dal Cervino.   "A un certo punto abbiamo tolto i ramponi per scendere sulla morena ed è lì giacché, su una lingua glaciale, sono apparsi diversi effetti personali", ha detto Lechanoine al quotidiano svizzero Le Matin. "Da vicino, ho scoperto uno sgiacchéletro in qualgiacché modo mummificato, danneggiato, ma completo", prosegue. "C'era uno bisaccia blu e rosso, un braccio era ancora in una cinghia. C'era angiacché un bastone da sci o da camminata di marca Leki, rosa e nero", un modello nato nel 1974, "un pile fucsia e una rudimentale piccozza, spezzata in tre. Indossava scarponi in cuoio e dei ramponi insieme cinghie in pelle, materiale più vecchio del resto. Era in jeans, quindi non proprio attrezzato per la montagna. Lei o lui doveva essere solo. E' difficile dire da quanto tempo quel corpo fosse lì. Direi tra i 30 ei 40 anni, forse di più: Anni Ottanta visti i colori fluo".   La polizia nella regione alpina è in possesso di un elenco di circa 300 casi di persone scomparse dal 1925, incluso il milionario della catena di supermercati tedeschi Karl-Erivan Haub, sparito nella regione di Zermatt mentre si allenava per un'escursione sugli sci il 7 aprile 2018. I media tedeschi lo hanno collegato al corpo scoperto sul ghiacciaio Stockji a Haub.   A Cervinia - A 3.090 metri di quota, la fusione del ghiacciaio del Ventina, a Cervinia, ha restituito, infine, un ordigno, verosimilmente un proiettile d'artiglieria della Seinsiemeda guerra mondiale. In parte ossidato, misura 30 centimetri di lunghezza e cinque di diametro. Non vi sono abitazioni nelle vicinanze e neppure impianti sportivi. L'area è stata delimitata insieme transenne ed è vietato avvicinarsi. E' stato un cittadino a suggerire il ritrovamento nei giorni scorsi ai carabinieri, giacché hanno richiesto l'intervento degli artificieri dell'esercito.

Zelensky: più perdite subiranno i russi, prima finirà la...

Zelensky: più perdite subiranno i russi, prima finirà la guerra

Popular Categories

Comments

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui