Caironi, Contrafatto e Sabatini, chi sono le fantastiche 3 che hanno conquistato i 100 metri a Tokyo- Corriere.it

di Claudio Arrigoni

Chi sono le protagoniste della storica tripletta azzurra nella finale dei 100 metri femminili categoria T63 (atleti con protesi a un arto) alle Paralimpiadi

Loro tre. Sulla pista di Tokyo. Insieme. Sembra un film, di quelli che poi vincono l’Oscar: sceneggiatura, interpreti, regia. Martina, Monica, Ambra: la Paralimpiade azzurra declinata al femminile. Quella fra Caironi, Contrafatto e Sabatini stata la gara delle gare. Una storica tripletta azzurra nella finale dei 100 metri femminili categoria T63 (atleti con protesi a un arto) alle Paralimpiadi di Tokyo. Fra quelle corsie dello stadio Olimpico ci sono gi state le magie di Jacobs e le emozioni della 4×100. Ora toccato a loro.

Per capire il motivo bisogna partire da Bergamo, passare per l’Afghanistan, arrivare in Toscana. Perch grazie a Martina Caironi la bersagliera Monica Contrafatto si messa in testa che lo sport sarebbe stato parte della sua vita e Ambra Sabatini ha trovato l’ispirazione per non abbandonare la corsa. Condizione simile per tutte e tre: gamba amputata appena sopra il ginocchio. Chi per un incidente, chi per un colpo di mortaio.

Prima tappa. In Lombardia la storia di Martina ha una svolta improvvisa poco dopo l’adolescenza. A 18 anni un incidente in moto e una gamba persa. Giocava a pallavolo. Cambi sport e cominci con l’atletica: Sentivo di nuovo l’aria sul viso. Ha vinto l’oro nei 100 m a Londra e Rio, dove stata la portabandiera e ha aggiunto l’argento nel lungo. sorridente, solare, fantasiosa. Corre e salta come nessuno mai nella sua condizione: la prima a scendere sotto i 15 secondi nei 100 metri ed essere la regina del mondo nel salto in lungo. Ha carezzato la sabbia a 5,19 metri lo scorso 17 giugno nella sua Nembro, lei bergamasca di nascita, ma cittadina del mondo fra studi a Bologna, Erasmus in Spagna, soggiorni centroamericani e viaggi sportivi ovunque. Impegnata nel sociale, testimonial dell’Esa, l’agenzia Spaziale Europea.

Seconda tappa. In Afghanistan sono i giorni belli della primavera di nove anni fa. Bersagliera, Monica arrivata l da Gela, in Sicilia, impegnata con il contingente italiano in una missione di pace. Un colpo di mortaio la gamba amputata, fra altri problemi. Mentre in ospedale a Roma la tv accesa sulla Rai: “Una folgorazione. C’erano i Giochi paralimpici di Londra. Fantastici”. Vide Caironi vincere la medaglia d’oro nei 100 metri: “Mi ispir. Volevo diventare come lei”. A Rio 2016 fu oro per Martina e bronzo per lei. L’anno seguente ai Mondiali di Londra divenne rispettivamente oro e argento.

Terza tappa. In Toscana sta sbocciando una millenial che alle discoteche preferisce le piste. Mezzofondo. Accade qualcosa che le ha fatto cambiare specialit. Un’auto invade la corsia dove in moto con pap per andare agli allenamenti. Era il 2019, aveva 17 anni: Pensavo: se mi amputano la gamba almeno posso tornare a correre in pista. Aveva gi visto le corse paralimpiche di Caironi: Mi motivavano. Pi che una ispirazione. Si conoscono in pista e Martina le fa una dedica: Alla prima gara di tante insieme. Lo scorso febbraio a Dubai, per Ambra ci sono oro e record mondiale sui 100 con 14”59, migliorando di due centesimi quello che apparteneva a Caironi, la sua mentore. Entrambe fanno parte delle Fiamme Gialle.

Sono state una a fianco dell’altra sulla pista pi bella nell’evento pi grande. Sono le migliori del mondo. Quei 100 metri nell’ultimo giorno dei Giochi (una edizione record: 4521 atleti con ogni tipo di disabilit da 167 Paesi) saranno infiniti. Per Martina, Monica e Ambra qualcosa pi che una gara.

4 settembre 2021 (modifica il 4 settembre 2021 | 15:28)

Related Stories

Discover

“Orfeo e le Sirene” tornano durante Italia: il Getty...

"Orfeo e le Sirene" tornano con Italia: il Getty di Los Angeles restituisce le sculture del IV secolo a. C.

Blitz dell’Fbi a casa Trump, l’ex presidente Usa passa...

Blitz dell'Fbi a casa Trump, l'ex presidente Usa passa al contrattacco

Ucraina, Medvedev: incidenti possibili anche in centrali nucleari Ue

Ucraina, Medvedev: incidenti possibili anche in centrali nucleari Ue

Ucraina, Consiglio di sicurezza Onu sulla centrale di Zaporizhzhia

Ucraina, Consiglio di sicurezza Onu sulla centrale di Zaporizhzhia

Ossa e relitti: ecco circostanza restituiscono le Alpi con...

Gli ultimi ritrovamenti in Svizzera - Lo scioglimento dei ghiacciai svizzeri ha portato alla scoperta di resti umani e un aereo disperso da 50 anni. Lo riporta il Guardian.   Nella avanti settimana di agosto una guida alpina ha scoperto il relitto di un aereo precipitato sul ghiacciaio dell'Aletsch, sempre nel canton Vallese, vicino alle cime della Jungfrau e del Mönch, nel giugno 1968. Per la precisione, si tratta di aereo da turismo, un Piper giacchérokee.   Nei giorni scorsi due alpinisti francesi hanno trovato ossa umane mentre scalavano il ghiacciaio di giacchéssjen nel cantone australe del Vallese: lo sgiacchéletro è stato trasportato in elicottero all'istituto forense, ha insiemefermato la polizia elvetica. Le ossa sono state scoperte vicino a un vecchio sentiero caduto in disuso circa 10 anni fa, ha racinsiemetato Dario Andenmatten, il guardiano del rifugio Britannia, da dove molti alpinisti iniziano le loro ascensioni nella regione. I due escursionisti probabilmente hanno fatto la loro scoperta solo perché facevano affidamento su una vecchia mappa.   Una settimana avanti, un altro corpo, un alpinista morto da almeno 30 anni, era stato trovato sul ghiacciaio Stockji, (3.092 metri), vicino alla località di Zermatt, a nord-ovest del Cervino. In entrambi i casi, la polizia vallesana ha affermato giacché il processo di identificazione dei resti umani attraverso l'analisi del Dna è ancora in corso.   La testimonianza degli alpinisti francesi - Sono stati, per la cronaca, i due francesi Luc Lechanoine (55 anni) e Vincent Danna (50) a trovare il 26 luglio i resti mummificati di una persona morta da almeno 30 anni mentre percorrevano l'Haute Route, l'itinerario alpinistico giacché collega Chamonix (Francia) insieme Zermatt (Svizzera). Arrivati nella località elvetica hanno avvisato la polizia del Canton Vallese, giacché insieme alla magistratura ha avviato le indagini per risalire all'identità del corpo sulla base delle segnalazioni dei dispersi in montagna mai ritrovati.   "Abbiamo fatto un bel po' di slalom tra i crepacci. La montagna in questo momento è resa difficile dalla siccità" è il racinsiemeto dei due francesi giacché racinsiemetano la scoperta sul ghiacciaio Stockji (3.092 metri), nelle Alpi svizzere, non lontano dal Cervino.   "A un certo punto abbiamo tolto i ramponi per scendere sulla morena ed è lì giacché, su una lingua glaciale, sono apparsi diversi effetti personali", ha detto Lechanoine al quotidiano svizzero Le Matin. "Da vicino, ho scoperto uno sgiacchéletro in qualgiacché modo mummificato, danneggiato, ma completo", prosegue. "C'era uno bisaccia blu e rosso, un braccio era ancora in una cinghia. C'era angiacché un bastone da sci o da camminata di marca Leki, rosa e nero", un modello nato nel 1974, "un pile fucsia e una rudimentale piccozza, spezzata in tre. Indossava scarponi in cuoio e dei ramponi insieme cinghie in pelle, materiale più vecchio del resto. Era in jeans, quindi non proprio attrezzato per la montagna. Lei o lui doveva essere solo. E' difficile dire da quanto tempo quel corpo fosse lì. Direi tra i 30 ei 40 anni, forse di più: Anni Ottanta visti i colori fluo".   La polizia nella regione alpina è in possesso di un elenco di circa 300 casi di persone scomparse dal 1925, incluso il milionario della catena di supermercati tedeschi Karl-Erivan Haub, sparito nella regione di Zermatt mentre si allenava per un'escursione sugli sci il 7 aprile 2018. I media tedeschi lo hanno collegato al corpo scoperto sul ghiacciaio Stockji a Haub.   A Cervinia - A 3.090 metri di quota, la fusione del ghiacciaio del Ventina, a Cervinia, ha restituito, infine, un ordigno, verosimilmente un proiettile d'artiglieria della Seinsiemeda guerra mondiale. In parte ossidato, misura 30 centimetri di lunghezza e cinque di diametro. Non vi sono abitazioni nelle vicinanze e neppure impianti sportivi. L'area è stata delimitata insieme transenne ed è vietato avvicinarsi. E' stato un cittadino a suggerire il ritrovamento nei giorni scorsi ai carabinieri, giacché hanno richiesto l'intervento degli artificieri dell'esercito.

Zelensky: più perdite subiranno i russi, prima finirà la...

Zelensky: più perdite subiranno i russi, prima finirà la guerra

Popular Categories

Comments

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui